Dolomiti del nostro cuore

È nostra tradizione andare a sciare per le vacanze di Carnevale. In Ticino i bambini sono a casa da scuola per una settimana intera e negli ultimi dieci anni siamo sempre andati in Trentino/Alto Adige (Val di Fassa, Val Gardena o Alta Badia). Non riusciamo ad andare altrove, perché lì ci troviamo veramente bene sotto diversi aspetti (comprensorio sciistico, gastronomia, ospitalità e soprattutto paesaggi incantevoli).

Vi chiederete: ma come, abitate in Svizzera, ci sono tantissimi posti belli anche da voi e andate in Italia? Perché? È una domanda che ci pone spesso chi ci incontra durante le vacanze, quando capita di scambiare qualche parola. È vero, da noi ci sono destinazioni splendide, blasonate, anche molto chic e curate, ma le Dolomiti sono speciali; diciamo che per noi anche il rapporto qualità/prezzo è ottimo. In Svizzera una settimana del genere costerebbe molto di più e la cosa che ci snerva è dover pagare un occhio della testa anche i pasti consumati sulle piste. E diciamocela tutta, mangiare patatine fritte tutti i giorni non dà le soddisfazioni di assaporare canederli, zuppe e strudel fatti in casa in Trentino e Sudtirolo. Poi, ovviamente, anche in Trentino (come ovunque) bisogna sapere dove andare, ci sono pure lì i grandi ristoranti self-service dove la qualità non è proprio la priorità; in genere, fin dal primo impatto si vede subito in quale rifugio si sta bene. Avete quindi capito che per noi sulle piste (e non solo) è importante anche il cibo …

Rifugio Scotoni, Alpe Lagazuoi

All’andata ci siamo fermati a Bolzano per visitare il museo Archeologico dell’Alto Adige dove è conservato l’Ötzi (l’uomo ritrovato nel ghiacciaio) – http://www.iceman.it. È un museo fatto bene, interattivo e ideale da visitare anche con i bambini. La visita dura al massimo un’oretta e propongono un ticket famiglia di Euro 18.00.

#OetziTheIceman

Abbiamo poi passeggiato per le vie di Bolzano che sono sempre carine, consiglio questa cittadina vivamente anche sotto Natale perché si respira ancora un’aria molto tradizionale con un mercatino veramente autentico.

Ci siamo poi diretti verso l’Alta Badia, dove a Colfosco avevamo prenotato un appartamento vicinissimo alle piste. Per i nostri soggiorni in Trentino/Alto Adige abbiamo già pernottato anche in hotel, specialmente quando i bambini erano più piccoli. In uno in particolare, siamo tornati molto spesso: il “Gran Baita” a Pozza di Fassa – https://www.familyhotelgranbaita.it (posizione, servizio e cucina fantastici). Ora invece tendiamo ad andare in appartamenti vicini alle piste perché ci sentiamo più liberi con gli orari, abbiamo più spazio, insomma, siamo più indipendenti. La cosa da non sottovalutare è il fatto di poter mettere gli sci appena fuori casa e di rientrare agevolmente la sera quando si è stanchi e non si ha voglia di camminare a lungo con gli scarponi. Si evitano anche una parte di capricci dei bambini, che dopo lo sci di solito sono stanchi morti.

Colfosco è un paesino molto carino, in una posizione idilliaca con una vista splendida sul massiccio del Sella. È inserito direttamente nelle piste del famoso Sellaronda (https://www.dolomitisuperski.com/it/Scopri/Sellaronda-Grande-Guerra) e si trova a pochi chilometri da Corvara.

Colfosco, vista dall’appartamento
Colfosco

Abbiamo acquistato abbonamenti sciistici di 6 giorni per tutto il comprensorio “Dolomiti Superski” che ti permette di muoverti liberamente in tutte le valli della regione (vi sono giornaliere più economiche anche per la sola Alta Badia, ma dal nostro punto di vista non conviene). Oltre al famoso Sellaronda (giro dei quattro passi che tocca l’Alta Badia, Arabba, la Val di Fassa e la Val Gardena), fatto per ben due volte durante la settimana, vi voglio segnalare due “gite sciistiche” molto belle che rifarei molto volentieri.

Pista Armentarola: Abbiamo raggiunto il Passo Falzarego, che si trova a 17 km da Cortina d’Ampezzo e 12 km da Badia con un pulmino che parte da Armentarola (vicino a San Cassiano). Siamo partiti con gli sci ai piedi da Colfosco alle 8:30 (reduci dell’esperienza dell’anno scorso, quando siamo arrivati tardi ad Amentarola e abbiamo dovuto fare una fila lunghissima per prendere i vari bus/pulmini che partono in direzione del passo). Il servizio è a pagamento e costa Euro 6.00 pp. Arrivati al passo si sale sul monte Lagazuoi con l’omonima funivia. Unica nel suo genere, essendo sospesa su funi senza piloni portanti intermedi, porta gli sciatori in vetta in 3 minuti. Il panorama dal Lagazuoi è stupendo: vette dolomitiche a 360°, dalle Tofane alla Marmolada fino al gruppo del Sella. Il posto migliore per godere di questo panorama è senz’altro la terrazza del Rifugio Lagazuoi.

Vista dal Lagazuoi

Giunti in cima, si possono percorrere due piste da sci:  la Pista Lagazuoi, che ritorna ad ampi curvoni verso il Passo Falzarego, e la seconda, la famosa Pista Armentarola, che collega Cortina d’Ampezzo alla Val Badia. La pista Armentarola con i suoi 8 km e mezzo immersi in un paesaggio magico è senza dubbio la pista più affascinante delle Dolomiti.
Al cospetto dei monti di Fanes, la pista si dipana in una valle fatata, sovrastata da maestosi castelli di roccia. Cascate di giaccio scaturiscono dai monti circostanti rendendo l’interminabile discesa un susseguirsi di emozioni.

Una pausa al Rifugio Scotoni è sempre una bella esperienza

Nel vallone del Lagazuoi la pista diventa più facile e concede un po’ di riposo per potere affrontare anche l’ultimo tratto che dal rifugio Scotoni scende in un canyon ripido per terminare nuovamente più dolcemente in località Sass Dlacia. 

Arrivati alla fine del lungo canalone in prossimità della Capanna Alpina, si può approfittare della slitta trainata da cavalli fino nei pressi dell’Hotel Armentarola. Una bellissima esperienza!

Marmolada: Un’altra esperienza meravigliosa, la salita alla Marmolada. La vetta più alta delle Dolomiti. Si sale a oltre 3.000 metri con diverse funivie e si percorrono oltre 1.800 metri di dislivello lungo i 12 chilometri della pista “Bellunese” con una vista spettacolare sulle Dolomiti e sulle Alpi austriache in lontananza. Ma la cosa più bella è la vista dalla Marmolada, noi abbiamo avuto la fortuna nella sfortuna di andarci in una giornata di nebbia, ma lassù eravamo sopra il manto di nebbia e si intravedevano solo le cime più alte … Qualcosa di incredibile!

Vista dalla Marmolada

Rifugi che vi consiglio per la pausa pranzo in zona “Sellaronda”:

Rifugio “Friedrich August” a Campitello di Fassa, https://www.friedrichaugust.it (tartare buonissima, interni belli e servizio ottimo)

Malga Sella a Selva di Val Gardena, http://www.sellaalm.it/it/Default.asp (malga molto piccola, con zuppe, canederli e dolci fatti in casa buonissimi!)

Rifugio Scotoni ad Armentarola, https://www.scotoni.it/it/ (praticamente perfetto in una valle idilliaca)

Rifugio Bamby a la Villa (Alta Badia), https://www.google.com/search?client=safari&rls=en&q=rifugio+bamby+la+villa&ie=UTF-8&oe=UTF-8 (in una conca riparata dal vento con tante buone cose)

Rifugio Col Pradat a Colfosco (Alta Badia), http://www.colpradat.com/it/ (con una terrazza da far invidia ai migliori locali, che si affaccia sul Massiccio del Sella, hanno una parte self-service e una servita, la frittella dell’imperatore, il “Kaiserschmarren” è top!)

Rifugio Friedrich August, Campitello di Fassa
Ütia Col Pradaz, Colfosco

Una sera siamo usciti e abbiamo mangiato al Ristorante la Stria di Colfosco, molto frequentato anche dai locali, ha ottimi recensioni, ma a noi non ha fatto impazzire. Magari abbiamo scelto i piatti sbagliati. https://ristorante-stria.business.site

La cosa bella di Colfosco è anche il fatto di trovarsi praticamente sulle piste e per una settimana intera non si tocca l’auto perché tutto raggiungibile con gli sci ai piedi e negozi e ristoranti ce ne sono comunque abbastanza anche se il paesino è veramente piccolino. Certo non è ideale per chi la sera vuole uscire per fare shopping, serate nei bar e “vasche” tra la folla, ma a noi quello non interessa.

Colfosco, Alta Badia
Sassolungo, Val Gardena
Vallon, Alta Badia
Sassolungo visto dal Rifugio Dantercepies a Selva di Val Gardena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...