Viaggio in Myanmar, Malaysia, Singapore e Tailandia in quasi due mesi con i bambini ancora piccoli – Parte 2: TAILANDIA

Qualche giorno a Bangkok

Durante i primi momenti a Bangkok ci siamo sentiti completamente smarriti: il traffico, i rumori della grande metropoli erano veramente insopportabili, ma piano piano ci siamo abituati e abbiamo apprezzato tutto quello che una grande capitale può offrire (ristoranti vari, albergo con vasca da bagno, negozi fornitissimi, ecc.). 

Benvenuti a Bangkok

Volevamo fare qualcosa esclusivamente per i bambini e siamo andati a “Kidzania” una specie di parco tematico indoor dove si possono provare diverse professioni (travestirsi da medico, benzinaio, pompiere, ecc.) https://bangkok.kidzania.com/en-th. C’era una gran fila all’entrata, ma i bambini si sono divertiti un sacco.

Bangkok è stata una sorta di transizione, prima di passare qualche giorno tranquilli al mare. Faceva un gran caldo e quindi non l’abbiamo girata moltissimo, tranne le classiche visite turistiche principali. Io ci ero già stata diverse volte e, a dire il vero, già nelle visite precedenti la città non mi era sembrata un luogo ideale per bambini. Al palazzo reale c’era una fila infinita e visto che i bambini si lamentavano parecchio anche per la temperatura, abbiamo lasciato stare. Abbiamo invece optato per un giro sul fiume con un battello di linea, un po’ liberi, senza sapere bene dove stessimo andando. Velocemente siamo stati a Wat Arun (tempio molto bello e colorato) che si trova sul fiume.

Wat Arun – Bangkok

A un certo punto siamo scesi e abbiamo girovagato per la città con cartina alla mano, é piuttosto facile orientarsi. 

La cosa che mi colpisce in queste città sono quegli innumerevoli fili elettrici ovunque …

Ci sono gli skytrain (quei treni che corrono su viadotti al di sopra delle strade per intenderci) che per gli spostamenti sono ideali e coprono bene quasi tutta la città. 

Skyline Bangkok

Capodanno a Bangkok: i bambini distrutti, abbiamo visto per qualche minuto i fuochi d’artificio dalla finestra della camera dell’albergo e poi nanna … Benvenuto 2015!

Al mare a Phuket

Con Air Asia siamo poi volati verso Phuket. Ecco, nel mio immaginario doveva essere un’isola con un mare bellissimo, palme di cocco, paesaggi pazzeschi e ristorantini in spiaggia, ecc. Invece, devo dirvi con tutta franchezza che il mare in Sardegna è molto, ma molto più bello. Certo, le palme ci sono, le spiagge sono grandi, libere, senza ombrelloni dozzinali piazzati, ci sono i venditori ambulanti di buonissima frutta esotica (ananas, latte di cocco bevuto direttamente dalla noce, ecc.) ma molto probabilmente la prima settimana di gennaio non è veramente il periodo ideale per arrivare su questa isola. Tantissima gente, molti giovani in cerca di avventure e un gran casino. Niente relax insomma, ma comunque con i bambini è stato bello, perché dopo diverse settimane di caldo, é stato anche azzeccato concederci ritmi più lenti, vita da spiaggia e tanti bagni. Abbiamo alloggiato diversi giorni a Kata Beach che secondo me è il posto ideale se si hanno dei bambini (c’è un piccolo villaggio, la sera si esce piuttosto tranquilli – al contrario di zone come Patong) e anche alcuni giorni a Kamala Beach (molto più tranquillo). Avremmo magari potuto girare di più l’isola con mezzi a noleggio, ma c’era in giro parecchia gente, tantissimi motorini e abbiamo lasciato perdere. Ci siamo spostati un po’ con i bus di linea e i tuk tuk. Non so se posti come Krabi o Koh Lanta siano meglio nello stesso periodo!

L’isola offre innumerevoli attività e forse quella che mi sento di consigliarvi è un’escursione in barca a Phi Phi Island. Però attenzione: al porto c’è un “macello” … giornalmente partono moltissime barche verso le isolette dell’arcipelago. Ma se siete a Phuket dovete vederle … Noi, siamo anche andati alla famosissima spiaggia “Maya Bay”, quella del film “The Beach” con Leonardo Di Caprio. Nel frattempo non si può più sbarcare su questa spiaggia, perché era visitata da circa 5000 turisti al giorno e ha bisogno di un periodo di chiusura per “riprendersi” dai danni causati alla barriera corallina dalle barche che attraccano per tutta l’alta stagione. Ho letto che l’Ente Nazionale per il Turismo Thailandese chiarisce però che mentre la spiaggia Maya Beach è chiusa, si può ancora godere di una vista mozzafiato sulla baia, ma esclusivamente dalla propria imbarcazione. Dopo aver visto il film “The Beach”, mi aspettavo il paradiso in terra e invece … Vi lascio un paio di immagini, mai vista così tanta gente su una spiaggia. Le imbarcazioni arrivano, scaricano tutti per 10/15 minuti, gente ovunque che cerca di fare selfie o altre foto, un velocissimo bagno e poi via, ne arrivano altri, tra rombi di motori, schiamazzi e … il delirio! 

Maya Bay – Phi Phi Island
Maya Bay – Phi Phi Island
Maya Bay – Phi Phi Island

Poi però in queste isolette ci sono un sacco di angoli molto belli. Mare con un colore incredibile, palme di cocco, tutto molto “wild” e pesci colorati. 

Phi Phi Island
Phi Phi Islands
Phi Phi Islands
Phuket

Abbiamo anche fatto questo … non ne vado particolarmente fiera. Ora come ora, credo non lo rifarei, anche se l’abbiamo fatto esclusivamente per i bambini. È un genere di turismo che non mi esalta, poco rispettoso verso gli animali. In un viaggio si cresce e si cambia.

Ed eccovi alcune immagini di Kamala Beach, forse ancor di più a misura di bambini di Kata Beach. Di vita notturna non ne abbiamo fatta per niente, quindi a tal proposito non ho alcun consiglio da darvi.

Kamala Beach
Palme ovunque a Phuket
Phuket e i suoi succhi di frutta freschi

Lasciamo Phuket con quel sentimento misto di “abbiamo decisamente sbagliato periodo per venire su quest’isola” e ce la siamo goduta comunque, e questi giorni a ritmi lenti al mare ci hanno fatto più che bene.

Mi dimenticavo questo … Questo a Phuket è straconsigliato, credo un po’ ovunque.

Massaggio thai a Phuket

Piccola nota: in questi mesi di viaggio abbiamo mangiato ovunque senza particolari riguardi, anche in “baracchini” di strada, l’unico posto dove tutti abbiamo avuto qualche problema di stomaco è stato a Phuket, dove alloggiavamo in un 5 stelle e tutto (confronto al resto del Paese) era stracaro.

E via per la nostra prossima meta, la Malaysia. Per me una bellissima sorpresa!

Alloggi in Tailandia:

Novotel Bangkok Sukhumvit 20, Bangkok

Novotel Phuket Kata Avista Resort and spa, Karon District, Phuket

Sunwing Kamala Beach, Kamala, Phuket

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...